Registrati o Accedi per entrare nel Social

Il riscatto di Salah: «Al Chelsea non giocavo, adesso ho dimostrato quanto valgo»

Condividi questo articolo

Mohamed Salah (nella foto) si prepara all’ultimo strappo.

Ha segnato una caterva di gol, ha portato il suo Liverpool alle semifinali di Champions, ha incantato il pubblico dell’Anfield. Ora ha la possibilità di completare l’opera. Intanto, un risultato l’ha già raggiunto: si è preso la sua rivincita, ha dimostrato agli inglesi che è degno di giocare in Premier League, dopo l’infausta parentesi targata Chelsea.

La corsa alla Scarpa d’Oro
Al Chelsea contò solo 19 presenze e due gol in un anno e mezzo. Poi l’opportunità italiana. Prima la Fiorentina e in seguito la Roma. L’esperienza in giallorosso lo ha riportato alla ribalta internazionale e così è arrivato l’interessamento del Liverpool. In Premier quest’anno ha già segnato 30 reti, 4 in più di Kane del Tottenham. «I miei compagni – racconta l’egiziano a Sky Sport – cercano di aiutarmi a segnare perché sanno che sono in corsa per la Scarpa d’Oro. È un premio individuale, ma al contempo è anche un modo per fare punti. Giochiamo molto bene, i tifosi sono felici e la cosa mi fa stare bene, sento che vogliono che vinca qualcosa. Mancano 4 partite, me la gioco, voglio segnare anche per la squadra e non penso solo a me stesso. Faccio assist, creo occasioni, del resto gioco sempre sull’esterno, non come punta centrale e credo che si veda quello che faccio».

Il goleador migliore della storia della Premier
Salah gioca per raggiungere un altro traguardo. Shearer, Cristiano Ronaldo (allora al Manchester United) e Suarez (allora proprio al Liverpool) in Inghilterra sono arrivati a quota 31 centri in un campionato. Salah sta per scavalcarli. «Voglio battere il record di gol in Premier League, me ne manca uno e ci sono ancora 4 giornate», si esalta l’egiziano. Che ringrazia i Reds per l’opportunità. «Sapevo sin dal primo giorno – sottolinea l’ex romanista – che volevo fare qualcosa di diverso, di speciale. Al Chelsea non ho sfruttato la mia chance, ma sono tornato in Premier perché volevo mostrare a tutti il mio valore». Al Chelsea non giocava tanto. «Non ho avuto grandi opportunità – dice oggi – e mi ero messo in testa di avere successo qui. Quando ho lasciato la Premier, mi sono ripromesso di tornare e quando ne ho avuto la possibilità, l’ho fatto. Si può vedere la differenza fra quello che sono adesso e quello che ero uno o due anni fa. Ogni anno, ogni giorno, ogni mese mi metto alla prova, cerco di vedere le mie debolezze e di lavorarci, di essere una persona e un giocatore migliore».

Se al Liverpool andassero in campo nudi…
«Siamo un grande gruppo e a tutti noi piace l’enorme attenzione che c’è intorno a lui», dice di Salah l’allenatore del Liverpool, Jurgen Klopp. Che svela un retroscena: «Quando siamo scesi in campo per il riscaldamento prima dell’incontro con il Manchester City, ho detto ai ragazzi: “Forza, usciamo nudi, tanto nessuno se ne accorgerà, stanno tutti guardando Mo”». E sarà così anche all’Olimpico, dove l’egiziano era un beniamino: «Penso di sì – dice il tecnico tedesco -. Non credo che a Roma l’attenzione sarà inferiore».

Il team ideale della Premier
Momo Salah è stato anche inserito nella squadra ideale della Premier League 2017-2018. I Citizens, campioni d’Inghilterra, hanno piazzato cinque giocatori nell’undici scelto dell’associazione calciatori britannica: Aguero, De Bruyne, David Silva, Walker e Otamendi. Il Tottenham ha Kane, Eriksen e Vertonghen. Completano la squadra ideale,Marcos Alonso del Chelsea, Davide de Gea del Manchester United e proprio Mohamed Salah (l’unico del Liverpool). Questo il magic team (4-3-3): de Gea; Walker, Vertonghen, Otamendi, Alonso; Silva, De Bruyne, Eriksen; Kane, Salah, Aguero.

Il Liverpool recupera Lovren ma toglie Emre Can dalle maglie
In vista della prima semifinale con la Roma (24 aprile) Klopp può sorridere: il difensore croato Dejan Lovren è tornato ad allenarsi in gruppo. Era in dubbio dopo l’infortunio. Contro la Roma ci sarà. Emre Can invece ormai è in uscita. Il Liverpool ha svelato le nuove maglie che indosseranno i giocatori nella stagione 2018/19. Nella foto che ritrae i giocatori manca Emre Can, il centrocampista tedesco che è in scadenza di contratto e che molti danni a metà strada fra la Juventus e il Bayern Monaco. Fra i testimonial della nuova maglia poprio Salah e poi Firmino, Mané, Hernderson, Karius e Van Djik.

Leave a Comment

(0 Commenti)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat Domande? Clicca per avviare Whatsapp!