Registrati o Accedi per entrare nel Social

Mourinho vince sferzando i suoi: «Siete i clown alla festa di Guardiola»

Condividi questo articolo

Il Manchester United, pochi giorni dopo il Liverpool in Champions, ha inflitto un altro ko alla capolista della Premier League, il Manchester City.

Una sconfitta che brucia e che è arrivata dopo che il City aveva chiuso la prima frazione di gioco sul 2-0.

A scatenare la furia del Red Devils è stata una frase pronunciata negli spogliatoi, nell’intervallo tra primo e secondo tempo, dal loro allenatore, José Mourinho.

«Siete dei clown alla festa di Guardiola», ha detto il tecnico portoghese ai giocatori, come ha raccontato in tv uno di loro, il difensore Chris Smalling. «Non ha dovuto dirci molte cose, ha però sottolineato che non volevamo essere dei clown in piedi a guardare loro vincere la Premier League. Parole geniali che ci hanno dato la carica dopo un primo tempo in cui eravamo molto delusi», racconta il giocatore.

Il City dopo 45′ pregustava già la vittoria e la conquista del quinto titolo di Premier League, con sei giornate di anticipo. Poi l’ex juventino Pogba con una doppietta ha spezzato l’incantesimo prima della rete segnata proprio da Smalling che ha regalato la vittoria alla squadra di Mourinho. Tra una settimana il City potrà riprovarci, anche se la visita al Tottenham è partita molto difficile. Gli Spurs hanno vinto 2-1 in casa dello Stoke e raggiunto a quota 67 punti il Liverpool, fermato sullo 0-0 nel derby dall’Everton.

«Abbiamo fatto tutto nel primo tempo, ma poi abbiamo subito tre gol in 15 minuti – ha commentato a fine partita Pep Guardiola -. Abbiamo giocato con coraggio e creato molte opportunità, ma alla fine non siamo stati abbastanza bravi. Il calendario è così, ecco perché questa competizione è così difficile. Andiamo comunque avanti, siamo dei professionisti». «Ero molto triste già dopo il primo gol – ha detto dal canto suo Mourinho – e poi dopo il secondo, era importante che i giocatori rimanessero fiduciosi. Abbiamo girato palla più di qualsiasi squadra contro il Manchester City, abbiamo pressato un po’ più alto e mantenuto il nostro sistema per ottenere un buon risultato. Ora abbiamo bisogno di sei punti per rimanere matematicamente tra le prime quattro».

Leave a Comment

(0 Commenti)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat Domande? Clicca per avviare Whatsapp!