Registrati o Accedi per entrare nel Social

Milan, nell’uovo di Pasqua Gattuso trova il rinnovo del contratto

Condividi questo articolo

Arriva Pasqua, è tempo di regali. E il Milan ha pronto il suo per Rino Gattuso, il rinnovo del contratto.
Lo assicura il direttore sportivo del Milan Massimiliano Mirabelli, parlando nel corso di di un evento commerciale in Franciacorta. Ha usato proprio la metafora festiva il diesse rossonero: «Sul prolungamento del contratto – ha detto – non c’è alcun problema. Visto che siamo sotto Pasqua, ci stiamo preparando. Aprendo il nostro uovo, troveremo il rinnovo».

MIRABELLI HA AVUTO PAROLE MOLTO DOLCI PER GATTUSO: «VE LO DICO DA TANTO TEMPO, E’ UN ALLENATORE CHE SARA’ TRA I PIU’ IMPORTANTI PER I PROSSIMI ANNI, CREDO CHE PER IL MILAN SIA GIUSTO TENERSELO STRETTO».

L’obiettivo è costruire un team vincente per più anni. «Io, Marco Fassone e Rino Gattuso – garantisce Mirabelli – siamo in grande sintonia e stiamo lavorando per aprire un ciclo con Gattuso, perché riteniamo che lui sia l’allenatore giusto per quello che dovrà essere un Milan protagonista nei prossimi anni. Tutti noi lo vogliamo, Rino come noi tutti. Di sicuro, noi lo riteniamo l’allenatore più adatto».

L’attuale contratto di Gattuso scade a giugno 2019 e ancora non viene comunicata la durata del nuovo. La stima del direttore sportivo nei confronti del tecnico non è certo una novità. Già all’inizio di febbraio aveva detto che «Gattuso è un grande uomo oltre ad essere un allenatore preparato. Mi auguro che possa restare il nostro allenatore per 10 anni, non solo per questa stagione o la prossima.
Gattuso ha radicato il milanismo, ha ricompattato l’ambiente in maniera straordinaria». Una promozione a 360 gradi, sotto il profilo calcistico e umano e anche sotto quello dell’attaccamento alla maglia.

Naturalmente assicurare la guida tecnica alla squadra non significa avere risolto tutti i problemi che finora hanno tenuto il Milan lontano dalla lotta per scudetto e anche da quella per la qualificazione in Champions, obiettivo che solo da qualche settimana è tornato a sembrare concretamente possibile. E in primo luogo a creare preoccupazioni nell’ambiente è la situazione finanziaria. Una prima iniezione di liquidità è in arrivo e dovrebbe curare un bel po’ di malanni, con particolare riferimento alla gestione della squadra fino alla conclusione della stagione. È partito infatti il versamento di 10,8 milioni di euro che il proprietario e presidente, Yonghong Li, ha disposto per la prima tranche dell’ultimo aumento di capitale deliberato dal Consiglio d’amministrazione. Il totale è di 37,4 milioni di euro. Yonghong Li, secondo quanto rende noto l’agenzia Ansa, si troverebbe a Londra per tentare di negoziare, con l’assistenza della banca d’affari Merrill Lynch, il rifinanziamento del debito con il fondo Elliott Management Corporation (circa 370 milioni di euro, interessi inclusi). Lo scenario tuttavia è che il presidente voglia uscire dall’investimento e quindi dal Milan. Ma al momento sono solo voci.

Leggi gli altri nostri articoli cliccando qui

Leave a Comment

(0 Commenti)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si No
WhatsApp chat Domande? Clicca per avviare Whatsapp!