Registrati o Accedi per entrare nel Social

«Non mollare mai per tutta la gara»: Semplici e la ricetta anti-Juve

Condividi questo articolo

La Spal ha dato una lezione a tutto il campionato: contro la Juve non devi mai mollare, fino alla fine.

Stavolta niente gol decisivo nei minuti di recupero, come avvenuto appena due settimane prima in Lazio-Juventus, con Dybala capace di sfuggire a Parolo, resistere al suo ritorno e infilare in rete mentre cade a terra. I ragazzi di Leonardo Semplici no, loro hanno tenuto duro fino al triplice fischio dell’arbitro.
Tanto che l’allenatore li ha elogiati a fine partita per «la mentalità, l’aggressività e la determinazione» mostrate sul campo e soprattutto per la capacità di «non mollare mai per 95 minuti». E c’è un altro aspetto, squisitamente tecnico, che Semplici ha sottolineato, la forza avuta dalla Spal nel non gettare via il pallone. «Abbiamo cercato di limitare la Juventus – ha fatto notare – tenendo noi la palla e provando a fare la nostra partita. Siamo riusciti a palleggiare, con personalità, cercando di mettere in pratica la nostra identità di gioco anche contro una squadra come la Juventus».

La quale, a dire il vero, forse non ne aveva abbastanza per ripetere l’impresa dell’Olimpico. Massimiliano Allegri l’ammette e parla dell’esigenza di recuperare «l’energia e la cattiveria agonistica in questa sosta». È vero che molti giocatori bianconeri saranno impegnati con le nazionali, ma il logorio psicofisico non sarà lo stesso delle ultime settimane. «Abbiamo bisogno di recuperare energie fisiche e mentali – ha detto l’allenatore della Juve al termine dell’incontro con la Spal – perché abbiamo fatto una tirata importante che ci ha permesso di raggiungere la vetta del campionato, la qualificazione ai quarti di Champions League e la finale di Coppa Italia». Una tirata che ha prodotto in campionato dodici vittorie consecutive, una striscia interrotta proprio dal pareggio del Paolo Mazza. «Per vincere lo scudetto – ha chiarito Allegri, rivolto a giocatori, tifosi e giornalisti – bisogna fare ancora grandi risultati, perché il Napoli è lì e sta facendo un ottimo campionato». Anche perché nessuno regala niente e la lotta per la salvezza è quanto mai viva e impegnativa, come dimostra l’impresa della Spal. «Ci aspettano altri avversari così determinati», ha scritto l’allenatore dei bianconeri via twitter. «Contro la Spal – è il rammarico di Allegri – potevamo fare una vittoria importante, cosi non è stato e bisogna accettarlo, sapendo che il campionato si deciderà all’ultima giornata e non prima, come tanti avevano detto dopo il pareggio del Napoli con l’Inter». Meno male, sennò sai che noia.

Leave a Comment

(0 Commenti)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat Domande? Clicca per avviare Whatsapp!